a cura del Prof. Enzo Gagliardi

– Abbiamo la possibilità di monitorare la presenza di SARS-CoV-2 in campioni di acque reflue, dopo concentrazione per iper-filtrazione, estrazione del RNA e determinazione mediante R-PCR Real Time; I nostri scienziati hanno messo a punto un sistema che attraverso l’analisi delle acque di scarico fognario permette di:

a) monitorare l’eventuale circolazione di SARS-CoV-2 nelle comunità a monte del depuratore, a carico di individui asintomatici e/o positivi a livello fecale, che andrebbe a integrare l’attuale sorveglianza clinica, attualmente limitata al CoViD-19 nei pazienti con i sintomi;

b) segnalare l’accensione di nuovi focolai, come modalità di prevenzione;

c) possibile sequenziamento dell’RNA del virus al fine di evidenziarne possibili mutazioni.

Il primo comune che ha aderito a questa indagine è quello di Ronciglione in provincia di Viterbo.

Articoli correlati

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.