a cura di Federico De Michelis (fonte: Meteo Giornale)

La situazione meteo nel nostro Pianeta ci sta proponendo condizioni atmosferiche estreme, con numerose aree dove si stanno registrando temperature molto superiori alla media del periodo. Mentre sono piuttosto ristrette le aree dove la temperatura è sotto la norma, tra queste c’è una parte del Nord America, dove continuano a susseguirsi le tempeste di neve di cui molto spesso si parla.

Il nostro focus è dedicato a ciò che sta succedendo da qualche giorno in Siberia, dove è abbastanza normale che con la fine di febbraio la temperatura tenda a salire, ma l’aumento termico che si è verificato è ragguardevole, tanto che i valori di un’area immensa, sono superiori alle medie del periodo sino a 20° centigradi!

Il meteo estremo della Spagna: punte di caldo record

Si stanno registrando temperature che per quella zona non sono tipiche della fine di aprile!
Il caldo raggiunge entità notevolissima nel Nord della Cina, dove questo in periodo dell’anno la temperatura dovrebbe rimanere sotto lo zero anche di giorno.
E’ in atto uno sconquasso climatico: la temperatura media del Pianeta è attualmente più elevata rispetto all’anno scorso di 3/10 gradi centigradi, mentre nella regione polare, anche se solitamente con temperature sopra la media, da qualche tempo registra valori altissimi che sono da record storico. Dai rilevamenti satellitari è stata fissata una anomalia termica di oltre 4°C sopra la norma.

Una variazione termica di così ampie proporzioni avrà ripercussioni sul tempo europeo, dove già si sono avute temperature molto superiori alla media stagionale per diversi giorni.
Ad inizio marzo la temperatura dell’emisfero Nord è quella tipica di inizio aprile. C’è un’anomalia climatica considerevole, ciò al di là di tutte le previsioni a lungo termine che prospettano la possibilità che in Europa si possano verificare nuove ondate di freddo.

L’Emisfero Nord è solitamente più caldo di quello Sud, ciò perché le terre emerse del nostro emisfero sono più estese di quelle dell’emisfero australe. Il mare si riscalda più lentamente rispetto alle terre emerse. Tuttavia anche l’Emisfero Sud ha registrato, rispetto all’anno scorso, un lieve aumento della temperatura media di circa 0,5°C.
Insomma, la temperatura del Pianeta in questo periodo è aumentata rispetto all’anno scorso, ciò nonostante vi sia la potenziale influenza di quello che chiamiamo Minimo Solare, che avrebbe dovuto ridurre la temperatura media globale.

Articoli correlati

Probabilmente gli storici del futuro scriveranno che il 2019 fu l’inizio della grande crisi climatica che in meno di un ventennio decimò una buona parte della popolazione planetaria. Questa non è la prefazione di un romanzo di fantascienza, ma l’estrapolazione di un’intervista rilasciata giorni fa da uno scienziato ad una TV australiana. Catastrofismo gratuito? Le solite "fake news"? Diamo un’occhiata a cosa sta accadendo nel mondo in questi giorni...

Come conseguenza del riscaldamento globale, i suoli perennemente ghiacciati dell’Artico si stanno scongelando e rilasciano sostanze altamente tossiche e inquinanti, contenute nei fossili risalenti all’era del Pleistocene. Questo è quanto emerge da una ricerca di Sue Natali, membro del ‘Woods Hole Research Center’ nel Massachusetts, portata avanti dalla Siberia all’Alaska per studiare gli effetti dello scongelamento del permafrost, il terreno tipico delle regioni dell'estremo Nord Europa, della Siberia e dell'America settentrionale.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.