a cura del Prof. Luigi Campanella

Nel Padiglione Italia di Expo un’area è dedicata alle persone più rappresentative delle vari regioni italiane, che si sono distinte in vari campi dell’industria e dell’artigianato. Tra loro vi sono otto donne, si chiamano Francesca Petrini, Pina Amarelli, Carmelina Colantuono, Daniela Ducato, Lucia Iannotta, Carla La Placa, Susanna Moccia, Petrova Radoslava e sono le eccellenze femminile di Expo.

All’olio Francesca Petrini ha dedicato tutta la sua vita. Alla produzione di olio biologico di alta qualità esportato in molti Paesi del mondo.
La grande idea che ha fatto di lei una manager ed una ricercatrice di successo le è venuta durante un viaggio in Giappone, costatando che la maggior parte della popolazione assumeva quotidianamente pasticche di integratore a base di calcio. Tenuto conto dell’importanza che nella dieta italiana è assunta dall’olio e dal suo continuo impegno per condire e cucinare perché non pensare ad un olio che integrato opportunamente possa aiutare a fissare il calcio non rendendo più necessaria la sua continua somministrazione.

Poi finalmente, nel 2005, l’obbiettivo è stato raggiunto e la Petrini ha brevettato Petrini Plus, un olio extravergine dalle caratteristiche nutrizionali uniche al mondo, arricchito di vitamine D3, K1 e B6, che favoriscono l’assorbimento e la fissazione del calcio nelle ossa. Questo olio si utilizza come tutti gli altri per condire l’insalata o la pasta e ha avuto l’autorizzazione del ministero della Salute.

I test chimici hanno dimostrato che, prendendo due cucchiai al giorno di questo olio, nel sangue c’è una riduzione del 40 per cento di osteocalcina sottocarbossilata, una sostanza che, se presente in alta quantità, riduce la densità ossea e rende le ossa molto più fragili.

Monte San Vito olivi

Monte San Vito (Ancona) – Fattoria Petrini

Articoli correlati

In piena pandemia, all’inizio della seconda ondata con aumenti esponenziali dei casi positivi soprattutto in Europa, con valori che oscillano tra i 10.000 e 30.000 positivi al giorno, in attesa di un vaccino sicuro ed efficace, l’unica arma che ci permetterà di sopravvivere al virus, senza subire danni al nostro stato di salute, come già detto in articoli precedenti, è quello di rinforzare il nostro sistema immunitario.

Un recente articolo della scuola spagnola di Vigo comparso sul Journal of the American College of Cardiology focalizza l'attenzione sul concetto di malnutrizione liberandolo definitivamente dalla confusione con sottonutrizione: anche una persona obesa può essere malnutrita.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.