Sabato 29 settembre è stato inaugurato a Savona il centro studi sul mare con una conferenza che si è tenuta all’interno dello stesso Comune. Un gran successo che ha superato ogni aspettativa. Erano presenti tutte le autorità locali, provinciali, regionali e alcuni parlamentari; presenti anche studiosi e ricercatori dell’università di Genova, nonché le autorità dalla Capitaneria di Porto di Savona e i responsabili liguri dei Carabinieri Forestali. I lavori si sono aperti con la proiezione di un nostro breve filmato sull’ambiente, presentato al festival del cinema di Taormina dello scorso anno, e a seguire con la lettura degli auguri da parte del ministro dell’ambiente Costa.

Per tutta la durata della conferenza le persone hanno partecipato con attenzione ai vari interventi dei relatori. Il merito di tanto successo va soprattutto ai nostri due soci di AK Savona, Maria Maione e Max Calzia che in maniera molto professionale hanno pianificato, a partire dai minimi particolari, tutta la manifestazione.

A tutti i presenti è stato consegnato il nostro manuale sui cetacei, nonché un bellissimo calendario 2019 animalista, prodotto dalle nostre guardie eco-zoofile liguri, presenti al convegno con un simpatico cucciolo di lupo, mascotte di AK Alassio.

Il comune di Savona, per mano del sindaco Ilaria Caprioglio ha consegnato la chiave della nuova sede, concessaci gratuitamente dall’amministrazione, al presidente Franco Floris. Di rimando il presidente di Accademia Kronos ha consegnato la bandiera “Io faccio la mia parte” al Sindaco.

Lo scopo di quest’importante evento è quello di far ripartire in Italia un centro di studio, osservazione e ricerca su tutta l’area marina protetta “Pelagos” (Santuario dei cetacei) e non solo. Gli scienziati che costituiranno il primo nucleo del centro sono personaggi conosciutissimi nel mondo scientifico e accademico internazionale, stiamo parlando del prof. Maurizio Wurtz, direttore del centro, Barbara Nani e Nadia Repetto. Farà parte di questo primo nucleo scientifico anche un esperto dei Carabinieri Forestali che il Gen. Ricciardi nominerà a breve.

La prima azione che il nuovo direttore Wurtz propone di fare è un incontro internazionale tra scienziati e istituzioni internazionali coinvolti nella tutela di tutto il Mar Mediterraneo. Lo scopo è quello di trovare sinergie e politiche unitarie d’intervento soprattutto nella difesa dei mammiferi marini. Il secondo step, che il direttore del centro si propone di realizzare entro la primavera, è quello di intervenire in maniera seria e articolata nella bonifica del nostro mare dalle plastiche con l’ausilio dei pescatori professionisti.

Accademia Kronos sulla tutela del mare ha finalmente mosso i primi passi… vedremo cosa accadrà in seguito.

Articoli correlati

Eravamo un po’ invidiosi noi italiani e francesi e ci chiedevamo: "perché l’oceano Pacifico e quello Atlantico hanno le isole di plastica e noi no?" Presto detto, ora anche noi abbiamo un’isola di plastica tra la Corsica e l’isola d’Elba. Non solo, ma noi siamo stati più bravi degli altri, si perché la nostra isola di plastica si trova dentro un’area marina protetta, il santuario dei cetacei!

Fino ad un trentennio fa il fine primavera, come in questi giorni, aveva il sapore dell’arrivo dell’estate, con qualche leggera puntatina di caldo, anche gradevole, che soprattutto al sud si avvicinava ai +30° e difficilmente li superava. La notte si dormiva ancora con una leggera copertina, mentre con il piumone ancora al nord. Poi arrivava qualche tranquillo temporale a riportare le temperature intoro ai 24/26° C.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.