Gli sciami provenienti dal fiume Mississippi hanno invaso in particolare la zona della città di La Crosse provocando anche alcuni incidenti.
L’annuale invasione di insetti sulle rive del fiume Mississippi quest’anno nello stato del Wisconsin ha raggiunto dimensioni davvero incredibili, seminando il panico persino tra i residenti più abituati al fenomeno. Come dimostrano alcune immagini diffuse online da cittadini e media locali, infatti, gli insetti in questione (ordine degli Ephemeroptera), che vivono nei corsi d’acqua dolce, hanno letteralmente invaso strade ed edifici dello stato americano diventando anche un pericolo per automobilisti e pedoni. Questo tipo di insetti, che negli Stati Uniti vengono definiti Mayfly, letteralmente “mosche di maggio”, infatti si fiondano in poche ore tutti insieme nei dintorni dei corsi d’acqua creando l’effetto di una vera e propria invasione seppur breve visto che di solito dura pochi giorni. In realtà la loro presenza è indice di buone acque in zona, ma gli sciami provocano inevitabilmente fastidio e problemi.

invasione insetti in Wisconsin

Non è una fitta nevicata, né una foto sgranata: è una “nuvola” d’insetti

Incidenti stradali per l’invasione di insetti

Come segnalano i servizi di emergenza statunitense, la pesante ondata di quest’anno ha causato anche un brutto incidente d’auto che ha coinvolto tre veicoli mentre si trovavano nei dintorni della città di La Crosse. A causa della scarsa visibilità provocata dagli insetti e dalla strada scivolosa per lo stesso motivo, infatti, l’autista di uno dei veicoli ha perso il controllo del mezzo finendo contro le altre auto. Nello schianto due persone sono rimaste ferite e uno ha dovuto fare ricorso anche alle cure dell’ospedale locale.

Articoli correlati

Non molto tempo fa avevamo parlato temendo che sarebbero potuti ripetersi i fenomeni meteoclimatici del 2018, ossia gelo e neve sull’Italia. Questo perché l’aumento della temperatura su tutta la biosfera terrestre influisce sul vortice polare, fino a romperlo e cosi "liberare" le correnti gelide imprigionate sull’asse del polo artico, spingendole più a sud fino da noi sul bacino del Mediterraneo.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.