Sezione AK Provinciale di Salerno

A seguito di specifiche attività finalizzate alla tutela dell’ambiente ed alla prevenzione e contrasto dell’illecito smaltimento di rifiuti, svolta da personale del Comando Stazione Carabinieri di Borgo Carillia coordinati dal Comandante Maresciallo Capo Lorito Vittorio e personale specializzato del Nucleo Provinciale Guardie Giurate Ambientali AK, in data 27 Febbraio 2018, a seguito di un accurato controllo di una attività di autolavaggio, il personale militare ed i tecnici del Nucleo Guardie Giurate Ambientali AK accertavano che il titolare dell’attività “*” (attraverso un accurato sistema di tubazioni e manichette) riusciva a smaltire illecitamente le acque non depurate provenienti dal lavaggio delle autovetture unitamente ai fanghi che si raccoglievano nell’impianto di filtraggio a carboni attivi.

A seguito di tale accertamento, nonostante le impervie condizioni del tempo, veniva attivato un più accurato controllo tramite l’impiego di appositi coloranti che immediatamente dimostravano il collegamento tra alcune tubazioni interrate collegate con l’impianto di depurazione e la pubblica fognatura. La contestuale attività ispettiva di un attiguo piazzale consentiva successivamente di accertare anche la presenza di un modulo abitativo delle dimensioni pari a circa 2,50 x 4 x 3, adibito a sala di attesa per i clienti dell’autolavaggio, struttura comunque priva di qualsiasi autorizzazione.

Dopo i controlli di rito, avendo riscontrato l’assenza di qualsiasi tipologia di autorizzazione, i militari insieme alle Guardie AK procedevano al sequestro del sistema tramite il quale i reflui riuscivano a bypassare l’impianto di depurazione ed alla denuncia del legale rappresentante per illecito smaltimento di rifiuti speciali non pericolosi (reflui e fanghi non depurati provenienti dal lavaggio delle autovetture), nonché per abusivismo edilizio relativo alla installazione di un modulo abitativo non autorizzato.

guardie Salerno intervento

Articoli correlati

Il Ministero dell’Ambiente ha elaborato il nuovo Piano di conservazione e gestione del lupo in Italia. Tra le novità, rispetto al documento presentato nel 2017, c’è la rimozione della parte relativa agli abbattimenti controllati, che aveva scatenato accese proteste da parte delle associazioni ambientaliste, sostituite da una corposa sezione di strategie per prevenire gli attacchi dei lupi agli animali da allevamento, con nuove modalità di dissuasione attiva degli animali selvatici a tutela degli allevamenti.

In un piovoso pomeriggio di aprile nella sala conferenze del centro "mutilati di guerra" del Comune di Reggio Calabria, alla presenza dei dirigenti del Comune ospitante e di altri Comuni limitrofi, nonché con la presenza di 11 associazioni culturali, ambientaliste e della protezione civile calabrese, si è tenuto il secondo appuntamento sulle sulla storia di Accademia Kronos, il primo appuntamento era stato celebrato qualche mese prima a Spoleto.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.