Sta per partire un’operazione scientifica di valenza internazionale. L’Istituto Superiore di Sanità (ISS) ha contattato Accademia Kronos per verificare la sua disponibilità a collaborare ad un progetto di monitoraggio dei laghi italiani (verifica stato di salute), iniziando con una sperimentazione sul lago laziale di Castel Gandolfo (lago Albano). Ovviamente abbiamo accettato l’invito e in settimana cominceremo ad operare con gli scienziati preposti a quest’impresa, insieme alle nostre guardie zoofile ambientali (Avalle e Sebastiani).

Di che si tratta? Un satellite dell’ESA nel momento di transito sopra il lago dovrà inviare un segnale che verrà raccolto da un sensore trasportato, con una nostra imbarcazione, al centro dell’ex caldera vulcanica. Il sensore in acqua a sua volta lancerà al satellite una serie di dati che alla fine dovranno servire per determinare la presenza di inquinanti, la loro specificità chimica e fisica e l’eventuale presenza di alghe rosse (Planktothris rubesces). Oppure adottando un altro metodo d’indagine che è quello di avvalersi direttamente della luce solare riflessa dalle acque.

Tornando alle alghe c’è da sottolineare che da qualche anno stanno invadendo gran parte dei laghi italiani, creando preoccupazioni soprattutto per la salute umana e per il turismo. La Planktothris rubesces si sviluppa in particolare per l’uso massiccio di fertilizzanti irrorati nei campi agricoli e che poi finiscono nelle acque dei laghi. Fertilizzanti che, guarda caso, sono rappresentati anche da composti azotati e fosfati. L’alga di per sé non è nociva, a parte colorare di rosso le acque, purtroppo sono pericolose le sue tossine (microcistine) che per l’uomo possono essere cancerogene.

Un controllo dal satellite sulla presenza di alghe rosse e di inquinanti vari può offrire finalmente le risposte giuste per poter intervenire come bonifica delle acque. Se l’esperimento di Castel Gandolfo avrà, come noi tutti speriamo, un esito positivo, tra qualche mese molti laghi, soprattutto dell’Italia centrale, verranno monitorati, studiati e affidati alle terapie degli esperti.
Accademia Kronos, pertanto, si ritiene onorata di partecipare in prima linea a questo esperimento. Vi terremo informati sui risultati.

Lago_di_Albano,_a_Castel_Gandolfo

Articoli correlati

Ogni anno si stima che nel periodo estivo vengano abbandonati 50 mila cani e 80 mila gatti, di cui una buona percentuale (soprattutto cani) muore per stenti o travolti sulle strade. Solo lo scorso anno in Italia erano stati censiti più di 700 mila cani randagi. Alcuni di questi hanno trovato nuovi e "civili" padroni, altri sono finiti nei canili e la maggior parte è morta.

COMMENTA

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.