Nasce Pcup dall’idea di due giovani ragazzi liguri il bicchiere che combatte lo spreco dell’usa e getta mentre tutti si divertono.

A pochi sarà capitato di pensare a quanta plastica viene sprecata all’interno degli eventi di massa e nei grandi spazi come le discoteche. Il numero di bicchieri di plastica sprecati, purtroppo, è davvero incredibile e per far fronte a questa situazione è nato Pcup.
Pcup è nato dalle menti di Stefano FraioliLorenzo Pisoni, entrambi 27enni che, come tutti i loro coetanei, amano la vita e soprattutto amano il divertimento. Da amanti del divertimento, è loro solito frequentare luoghi gremiti di gente come stadi, eventi artistici e grandi club, e per questo hanno ideato un bicchiere che, grazie alla sua struttura in silicone e ad un particolare chip inserito al suo interno, potrebbe cambiare completamente il modo di vivere il club.

Pcup è un bicchiere composto interamente di silicone che lo rende leggero, flessibile e facile da portare dietro, ma la vera innovazione sta nel chip al suo interno collegato direttamente ad un app molto particolare. Grazie all’app collegata direttamente al bicchiere sarà possibile pagare la consumazione direttamente passando il bicchiere in cassa. Inoltre grazie al suo materiale e all’ausilio della tecnologia il bicchiere si illumina al buio.

Il progetto, dal forte impatto sociale ed ecologico, è stato abbracciato già da alcune realtà in evidenza del panorama notturno milanese ed è supportato da imprese di rilievo come: FabriQ e Impact Hub.
In quasi tutti i luoghi in cui si concentra la movida notturna c’è il divieto di introdurre bottiglie di vetro o in plastica rigida; Pcup, invece, potrà essere introdotto ovunque e utilizzato a vostro piacimento. Una riduzione netta dei bicchieri di plastica aiuterà anche a tenere pulito l’ambiente circostante. Troppo spesso, infatti, mentre balliamo nei club ci rendiamo conto di quanto fastidio possano dare bicchieri su bicchieri gettati ovunque.

 

Articoli correlati

Ci sono voluti più di tre mesi con relativi passaggi dei satelliti "sentinel" dell’ESA e prelievi diretti sui due laghi per concludere la fase della raccolta dati sullo stato di salute dei laghi laziali di Castel Gandolfo e Vico. Ora si tratta di trarne le conclusioni e fornire i risultati definitivi. Per sapere come realmente stanno questi laghi si è pensato di organizzare entro la fine dell’anno una conferenza stampa in un istituto prestigioso di Roma.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.