Per rallentare il riscaldamento globale “verniciamo” di bianco
i monti e i tetti delle case

Cinque anni fa gli svizzeri per rallentare lo scioglimento dei ghiacciai, causato dal riscaldamento globale, tentarono un esperimento particolare: coprirono alcune porzioni di alta montagna ghiacciate con un tessuto che rallentava gli effetti calorici dei raggi solari sulla neve. Risultato più che soddisfacente, ma con costi molto alti. Ora sulle Ande Peruviane, a 4.700 metri d’altezza, hanno dipinto di bianco alcune vette montuose. Si sa che il bianco riflette le radiazioni solari senza assorbirle, in questo modo, pertanto, si cercherà di ridurre il riscaldamento della zona circostante ai ghiacciai. L’idea è piaciuta alla Banca Mondiale, la quale ha ritenuto il progetto “tra i cento migliori per salvare il pianeta” e, quindi, lo ha finanziato.

L’idea di verniciare di bianco i tetti delle case per ridurre l’assorbimento di calore nelle città venne ad Accademia Kronos sette anni fa e, in un convegno a Roma, fu presentato il progetto, purtroppo non destò alcun interesse, fu quindi accantonato, ma ora alcuni ricercatori impegnati nel trovare soluzioni per la mitigazione climatica, guarda caso, hanno ipotizzato d’imbiancare tutti i tetti delle case nel mondo. Allora sette anni fa non eravamo poi così tanto “visionari”!

riduzione assorbimento calore

Articoli correlati

Non molto tempo fa avevamo parlato temendo che sarebbero potuti ripetersi i fenomeni meteoclimatici del 2018, ossia gelo e neve sull’Italia. Questo perché l’aumento della temperatura su tutta la biosfera terrestre influisce sul vortice polare, fino a romperlo e cosi "liberare" le correnti gelide imprigionate sull’asse del polo artico, spingendole più a sud fino da noi sul bacino del Mediterraneo.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.