a cura di Franco Floris

Cari soci e lettori è un momento difficile per tutta l’umanità e in particolare per il nostro Paese, un evento epocale di cui probabilmente scriveranno in futuro i libri di storia. A causa di ciò anche noi ne accusiamo il colpo, infatti il premio internazionale “Io faccio la mia parte”, previsto per settembre prossimo, forse dovrà essere spostato al prossimo anno. La stessa assemblea nazionale che si sarebbe dovuta tenere alla fine di questo mese a Roma ancora non sappiamo quando sarà possibile farla…

Tuttavia non siamo stati (e non siamo) immobili in attesa degli eventi, noi di Accademia Kronos ci siamo rimboccati le maniche ed abbiamo cercato di dare una mano sul fronte dell’anti CoViD-19. Lo abbiamo fatto sul territorio, dove le nostre guardie eco-zoofile hanno collaborato con le forze dell’ordine per il controllo dell’ambiente e nell’assistere famiglie in quarantena forzata con animali. Abbiamo fornito continuamente un’attenta informazione ai nostri lettori sullo sviluppo e sull’origine della pandemia; in più, e qui ci tengo a sottolinearlo, grazie al nostro Comitato Scientifico siamo stati in grado di dare risposte in “anteprima” sul collegamento tra il coronavirus e l’inquinamento dell’aria. Su quest’ultimo aspetto siamo stati inizialmente criticati dal mondo scientifico italiano, ma poi riabilitati. Sempre il nostro comitato scientifico, che si avvale di validi scienziati e di un laboratorio d’analisi con macchine d’ultima generazione per il sequenziamento del DNA, ha osservato, prima che altri insigni scienziati lo comunicassero, che il Covid-19 ha probabilmente iniziato a “perdere forza”, mutando in forme meno aggressive.

Oltre a ciò abbiamo fornito ai Ministeri dell’Agricoltura, dell’Istruzione e del Turismo delle proposte per far ripartire il nostro Paese e dare la possibilità a piccoli e medi imprenditori nel campo dell’agro-alimentazione di proporre le loro eccellenze. Abbiamo presentato al MIUR il nuovo corso “green” per diventare Geniere della protezione ambientale e climatica, organizzato con il Dipartimento di Chimica dell’Università La Sapienza. Una proposta concreta per formare una figura professionale capace di affrontare situazioni difficili come questa(al momento stiamo aspettando fiduciosi la risposta dei vari Ministri).

Infine segnaliamo che noi di AK abbiamo “inventato” la giornata nazionale per la raccolta del cibo per i nostri amici a 4 zampa, un’iniziativa che da una parte esorcizza l’attuale situazione pandemica e dall’altra offre un contributo concreto a chi con amore e sacrificio personale cerca di dare sicurezza e dignità ai nostri animali (Giornata nazionale raccolta cibo per i nostri amici a 4 zampe).

Articoli correlati

Cari amici, siamo prossimi al rinnovo del direttivo, al quale vi chiedo di essere presenti sia come potenziali eletti sia come elettori. In questi 3 anni, abbiamo vissuto momenti difficili. Quest’anno abbiamo affrontato una tremenda pandemia, che ha determinato moltissimi ammalati e tanti morti. Numerosissime persone lasciate sole, abbandonate al loro destino senza il conforto di un proprio caro. Così, ad un certo punto, i sanitari, in mancanza di mezzi e risorse, hanno fatto una scelta dolorosa e angosciante: chi salvare e chi lasciare andare.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.