Il direttivo di AK, preso in esame le candidature per il Premio Internazionale e Nazionale “Io faccio la mia Parte” ha definitivamente convalidato l’elenco dei nominati al premio in oggetto.

PREMIO INTERNAZIONALE 2019 “We are doing our part”

Premio internazionale riservato a persone, enti e nazioni che hanno dimostrato di aver fatto la “loro parte” per proteggere l’ambiente e il clima terrestre ASSEGNATO alla Repubblica del Costa Rica per aver scelto di uscire dal vincolo dei combustibili fossili per la produzione di energia entro il 2030 e per continuare a proteggere le proprie foreste e riserve naturali.

PREMIO NAZIONALE 2019 “Io faccio la mia parte”

Nomine:
Michele Emiliano, Governatore della Regione Puglia per il suo progetto presentato alla Commissione Ambiente di Bruxelles “ Un pianeta pulito per tutti” e per aver vietato, a partire da questa estate, l’uso della plastica monouso sulle spiagge della regione.
Edo Ronchi, ex ministro dell’ambiente, per il suo costante impegno nel promuovere uno sviluppo sostenibile e responsabile, passando anche attraverso l’economia circolare.
ENEA per l’impegno nel ridurre l’impatto negativo della plastica sul nostro pianeta.
Emily Young per aver dedicato la sua ultima grande scultura al “Grido dell’uomo per un mondo violento e inquinato”.
Jacopo Allegrucci e Roberto Vannucci per aver realizzato nell’ultimo carnevale di Viareggio due carri allegorici contro la plastica nei mari e contro i pesticidi in agricoltura.

La cerimonia di consegna dei premi è prevista per il prossimo 27 settembre (2019), presso la prestigiosa Sala della Protomoteca del Campidoglio di Roma.

Articoli correlati

Eravamo un po’ invidiosi noi italiani e francesi e ci chiedevamo: "perché l’oceano Pacifico e quello Atlantico hanno le isole di plastica e noi no?" Presto detto, ora anche noi abbiamo un’isola di plastica tra la Corsica e l’isola d’Elba. Non solo, ma noi siamo stati più bravi degli altri, si perché la nostra isola di plastica si trova dentro un’area marina protetta, il santuario dei cetacei!

Fino ad un trentennio fa il fine primavera, come in questi giorni, aveva il sapore dell’arrivo dell’estate, con qualche leggera puntatina di caldo, anche gradevole, che soprattutto al sud si avvicinava ai +30° e difficilmente li superava. La notte si dormiva ancora con una leggera copertina, mentre con il piumone ancora al nord. Poi arrivava qualche tranquillo temporale a riportare le temperature intoro ai 24/26° C.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.