a cura di Marta Frigerio (fonte: RivistaNatura.com)

Gli scienziati sono concordi nel dire che un innalzamento del livello dei mari di 3,3 metri avrebbe conseguenze catastrofiche per l’intero Pianeta. Che aspetto avrebbero le nostre coste? E quali città sarebbero inghiottite dalle acque?

La risposta arriva dal progetto Flood Maps che, combinando i dati della NASA alla cartografia di Google Maps, riesce a mostrare gli effetti sul nostro Pianeta in caso di innalzamento del livello dei mari.

Come cambierà la geografia del mondo?

Supponendo un innalzamento del livello del mare di circa 7 metri, sarebbero tante le città costiere inghiottite dal mare. Ad esempio in Italia, Venezia e Ravenna sarebbero sommerse.
Anche Amsterdam e Rotterdam verrebbero sommerse e, in Gran Bretagna, le acque andrebbero a lambire la città di Oxford.
Quello dell’innalzamento dei livelli del mare è un problema globale: in Asia le prime città a scomparire sarebbero Shanghai e la città vietnamita di Ho Chi Minh. Anche Astrakan, città russa adagiata sulle rive del Volga, verrebbe inghiottita dalle acque del Mar Caspio.
Negli Stati Uniti sono a rischio le città di New Orleans e Miami. Ironia della sorte, proprio qui si trova il resort di Mar-a-Lago, residenza del presidente Donald Trump che ormai ha deciso di uscire dagli accordi sul clima di Parigi.

A CAUSA DEL RISCALDAMENTO GLOBALE IL MARE CONTINUERA’ A CRESCERE E NEL 2080 UNA PARTE DEL NOSTRO PAESE FINIRA’ SOTT’ACQUA COME PREVISTO DAGLI SCIENZIATI E RIPORTATO IN QUESTA CARTINA GEOGRAFICA

Articoli correlati

Il Ministero dell’Ambiente ha elaborato il nuovo Piano di conservazione e gestione del lupo in Italia. Tra le novità, rispetto al documento presentato nel 2017, c’è la rimozione della parte relativa agli abbattimenti controllati, che aveva scatenato accese proteste da parte delle associazioni ambientaliste, sostituite da una corposa sezione di strategie per prevenire gli attacchi dei lupi agli animali da allevamento, con nuove modalità di dissuasione attiva degli animali selvatici a tutela degli allevamenti.

In un piovoso pomeriggio di aprile nella sala conferenze del centro "mutilati di guerra" del Comune di Reggio Calabria, alla presenza dei dirigenti del Comune ospitante e di altri Comuni limitrofi, nonché con la presenza di 11 associazioni culturali, ambientaliste e della protezione civile calabrese, si è tenuto il secondo appuntamento sulle sulla storia di Accademia Kronos, il primo appuntamento era stato celebrato qualche mese prima a Spoleto.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.