A Roma, in piazza San Giovanni in Laterano, ieri il 31 marzo scorso, il “Comitato tutela diritti animali” ha organizzato il primo raduno nazionale di tutte le organizzazioni ambientaliste-animaliste, avente come  punto focale il riconoscimento degli animali quali esseri senzienti nel Codice Civile.

Un grande successo di presenze: la piazza era gremita e gran parte dei presenti proveniva da diverse regioni italiane. Accademia Kronos era presente con le sue guardie eco-zoofile e i suoi osservatori ambientali. Il nostro Direttore Ennio La Malfa, durante il suo intervento, ha parlato di tutelare non solo gli animali di terra, ma anche quelli del mare, presentando così il Santuario dei Cetacei. Si è poi soffermato sul problema della plastica che uccide tartarughe e cetacei e dei gas serra prodotti dai bovini, soprattutto negli allevamenti intensivi. Ha concluso con il nostro slogan: “Io faccio la mia parte”, che evidenzia l’importanza del singolo nel fare la propria parte per la tutela e difesa dell’ambiente e degli animali.

Nella foto sopra Ennio La Malfa durante il suo intervento sul palco.

Oltre ai moltissimi cani, erano presenti anche animali diversi come il maialino nella foto.

Articoli correlati

La settimana passata a Roma Accademia Kronos ha avuto l’occasione di stringere la mano al generale di corpo d'armata Ciro D’Angelo, che si è appena insediato al vertice del CUFA dei Carabinieri Forestali. In uno spirito di ampia e costruttiva collaborazione Accademia Kronos ha ribadito la propria disponibilità, come nel passato, a collaborare in campagne e azioni ambientali con i Carabinieri Forestali.

Per salvare il Pianeta è fondamentale agire anche sulle nostre abitudini alimentari. Il consumo di alimenti provenienti dagli allevamenti intensivi, infatti, ha un impatto devastate sugli ecosistemi. Per questo, se entro i prossimi 12 anni non diminuiremo sostanzialmente i gas serra rilasciati nell’atmosfera, il riscaldamento globale è destinato a causare una crisi alimentare entro il 2050.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.