A Roma, in piazza San Giovanni in Laterano, ieri il 31 marzo scorso, il “Comitato tutela diritti animali” ha organizzato il primo raduno nazionale di tutte le organizzazioni ambientaliste-animaliste, avente come  punto focale il riconoscimento degli animali quali esseri senzienti nel Codice Civile.

Un grande successo di presenze: la piazza era gremita e gran parte dei presenti proveniva da diverse regioni italiane. Accademia Kronos era presente con le sue guardie eco-zoofile e i suoi osservatori ambientali. Il nostro Direttore Ennio La Malfa, durante il suo intervento, ha parlato di tutelare non solo gli animali di terra, ma anche quelli del mare, presentando così il Santuario dei Cetacei. Si è poi soffermato sul problema della plastica che uccide tartarughe e cetacei e dei gas serra prodotti dai bovini, soprattutto negli allevamenti intensivi. Ha concluso con il nostro slogan: “Io faccio la mia parte”, che evidenzia l’importanza del singolo nel fare la propria parte per la tutela e difesa dell’ambiente e degli animali.

Nella foto sopra Ennio La Malfa durante il suo intervento sul palco.

Oltre ai moltissimi cani, erano presenti anche animali diversi come il maialino nella foto.

Articoli correlati

Il Ministero dell’Ambiente ha elaborato il nuovo Piano di conservazione e gestione del lupo in Italia. Tra le novità, rispetto al documento presentato nel 2017, c’è la rimozione della parte relativa agli abbattimenti controllati, che aveva scatenato accese proteste da parte delle associazioni ambientaliste, sostituite da una corposa sezione di strategie per prevenire gli attacchi dei lupi agli animali da allevamento, con nuove modalità di dissuasione attiva degli animali selvatici a tutela degli allevamenti.

In un piovoso pomeriggio di aprile nella sala conferenze del centro "mutilati di guerra" del Comune di Reggio Calabria, alla presenza dei dirigenti del Comune ospitante e di altri Comuni limitrofi, nonché con la presenza di 11 associazioni culturali, ambientaliste e della protezione civile calabrese, si è tenuto il secondo appuntamento sulle sulla storia di Accademia Kronos, il primo appuntamento era stato celebrato qualche mese prima a Spoleto.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.