a cura del Prof. Luigi Campanella

Il potenziale di pericolosità dei tatuaggi per la salute di chi li porta addosso ha fatto scattare l’allarme per un inchiostro nero responsabile di rischio tumori in circolazione in Italia. Le analisi dell’inchiostro, fatte realizzare dall’Atir (Associazione Italiana Tatuatori Riuniti) presso laboratori certificati, hanno rilevato la presenza di alcuni metalli pesanti e di diversi tipologie di Ipa (idrocarburi policiclici aromatici), sostanze classificate come cancerogene, mutagene e teratogene.

In generale i tatuaggi possono creare delle reazioni allergiche. Gli inchiostri, soprattutto quelli rossi, possono causare reazioni allergiche della pelle, che provocano prurito nella zona tatuata. La reazione allergica può verificarsi addirittura diversi anni dopo il tatuaggio. In maniera più grave i tatoo possono provocare infezioni batteriche locali, caratterizzate da rossore, gonfiore, dolore e dalla presenza di pus. Inoltre intorno al tatuaggio si possono formare dei granulomi, cioè piccoli rigonfiamenti. Si tratta di un ispessimento della pelle, causato dalla proliferazione del tessuto cicatriziale.

Con l’igiene, ovviamente non si scherza. Se l’attrezzatura usata per realizzare il tatuaggio è contaminata da sangue infetto, c’è il rischio di contrarre diverse malattie trasmesse dal sangue, come l’epatite B, l’epatite C, il tetano e l’HIV, cioè il virus che provoca l’AIDS.

Anche la rimozione di un tatuaggio è operazione delicata da affidare ad un dermatologo, da eseguire in ambulatorio, con anestesia locale.

tatoo

Articoli correlati

E’ ormai indiscutibile che la genomica è la scienza sulle cui evidenze si erigerà la moderna e scientificamente fondata "medicina della prevenzione", che, per il bene delle persone e della società, ci auguriamo possa sostituire quanto prima l’attuale e ormai superata "medicina sintomatologica", la medicina del solo sintomo e del solo farmaco, incurante delle sofferenze umane ed insensibile alla prevenzione delle patologie.

Nel suo lungo storico cammino conoscitivo la mente umana spesso si disperde, anzi il più delle volte è indotta a farlo dai potenti interessi economici delle lobby che prosaicamente governano il mondo, in generiche approssimazioni, che nella realtà quotidiana si traducono nell’impossibilità di fornire alle persone un modello esistenziale sereno, una buona salute e un’alta qualità di vita.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.