Alcuni esempi dell’intervento in provincia di Roma delle nostre guardie eco-zoofile della Sezione AK di Albano.

Maltrattamento animale e mancata iscrizione all’anagrafe canina regionale

Intervento effettuato su richiesta della Polizia Locale di Frascati e ASL RM6 Servizio Veterinario. Sono stati denunciati i detentori dei cani razza maremmano per maltrattamento e mancata iscrizione all’anagrafe canina. Le guardie in collaborazione con la ASL e la Polizia Locale hanno obbligato i detentori a microchippare tutti e 8 i cani presenti in area privata e provvedere immediatamente alle cure del cane sofferente. Le procedure giudiziarie andranno avanti.

Cane “morsicatore”

Le Guardie della Sezione Territoriale AK di Albano Laziale, su richiesta della ASL RM6 Servizio veterinario, sono intervenute prontamente per supportare il Personale della ASL che si è trovata difronte ad un cane morsicatore libero che aveva già morso una persona. Grazie all’intervento delle nostre Guardie, il cane è stato condotto in un’area protetta e convocato il proprietario presso gli uffici della ASL e di AK. Sono in corso le profilassi del caso per verificare lo stato di salute del cane. Da parte delle Guardie è stata aperta un’indagine sull’effettiva proprietà del cane.

Abbandono di rifiuti edilizi

Richiesto ancora l’intervento delle Guardie Sez. AK Albano da parte dell’assessorato ambiente del Comune di Albano Laziale a seguito di un abbandono di rifiuti edilizi di risulta. Le Guardie sono prontamente intervenute per rilevare l’entità del danno ambientale. Si sono attivate per eseguire un’indagine sul territorio ma, trattandosi di danno ambientale, chiederanno in seguito l’ausilio delle forze di Polizia competenti per territorio.

 

Articoli correlati

Il Ministero dell’Ambiente ha elaborato il nuovo Piano di conservazione e gestione del lupo in Italia. Tra le novità, rispetto al documento presentato nel 2017, c’è la rimozione della parte relativa agli abbattimenti controllati, che aveva scatenato accese proteste da parte delle associazioni ambientaliste, sostituite da una corposa sezione di strategie per prevenire gli attacchi dei lupi agli animali da allevamento, con nuove modalità di dissuasione attiva degli animali selvatici a tutela degli allevamenti.

In un piovoso pomeriggio di aprile nella sala conferenze del centro "mutilati di guerra" del Comune di Reggio Calabria, alla presenza dei dirigenti del Comune ospitante e di altri Comuni limitrofi, nonché con la presenza di 11 associazioni culturali, ambientaliste e della protezione civile calabrese, si è tenuto il secondo appuntamento sulle sulla storia di Accademia Kronos, il primo appuntamento era stato celebrato qualche mese prima a Spoleto.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.