Più fa caldo, più gli oceani si riscaldano e maggiori sono le manifestazioni meteo estreme. Si sa, infatti, che le tempeste tropicali e i tifoni e gli uragani si innescano tra l’equatore e i tropici dove i mari sono più caldi. In effetti queste violente tempeste rappresentano una sorta di valvola di scarico per l’eccessivo calore della superficie degli oceani.

In questi giorni infatti il nord del Giappone è stato investito da un tifone di inaudita violenza che ha provocato 12 vittime e decine di dispersi. Anche gli Stati della costa atlantica degli USA, dalla Florida alla Carolina del Nord, hanno subito la furia di una tempesta tropicale che ha causato allagamenti e danni a molti centri urbani.

Il riscaldamento globale immette più energia in atmosfera e quindi anche un normale temporale si può trasformare in una violenta tempesta con un carico di fulmini impressionante. Ed è stata proprio una sequenza rapida di un paio di fulmini che hanno ucciso, meno di un paio di settimana fa in Norvegia, (su una collina del parco nazionale nella regione di Hardanger) 323 tra renne e mucche. Una strage di animali impressionante, come si può vedere dalla foto sotto.

renne-e-fulmine

Articoli correlati

La rituale disamina della stima delle temperature medie globali dell’anno passato, mediante l’analisi dei dati grezzi e grigliati, mostra come il 2017 non abbia battuto il record stabilito un anno prima dal 2016, ma ci sia andato comunque molto vicino. Infatti, nella classifica degli anni più caldi, il 2017 si colloca al secondo posto sopra il 2015, con valore di anomalia, + 0,51o °C rispetto al periodo 1981-2010, +1o °C rispetto all’inizio del secolo.

Secondo una ricerca dell’Università di Melbourne, pubblicata sulla rivista Geophysical Research Letters, le zone tropicali, dove si trovano i Paesi più poveri, saranno maggiormente colpite dal riscaldamento globale. I ricercatori hanno analizzato gli scenari e gli impatti dei cambiamenti climatici sia sui Paesi più ricchi che su quelli poveri, nel caso si verificasse un riscaldamento globale di 1,5°C rispetto all'epoca pre-industriale.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.