SICCITA’ ESTREMA IN CALIFORNIA E RISCHIO “ESTINZIONE” SALMONE REALE

SICCITA’ ESTREMA IN CALIFORNIA E RISCHIO “ESTINZIONE” SALMONE REALE

Sono ormai dieci anni che i cambiamenti climatici si fanno sentire in maniera più decisa nel sud degli USA, sul versante Pacifico. In particolare la California, che anno dopo anno subisce sempre disastrose siccità con incendi di foresta devastanti. Questa volta la siccità in California ha prosciugato sorgenti, corsi d’acqua e i fiumi più importanti sono a livello di secca. Tale evento sta comportando il rischio di sterminare tutti i salmoni dei fiumi sud occidentali americani. Infatti i salmoni adulti sono riusciti a risalire i fiumi quando abbondava l’acqua, ora, nati gli avannotti, questi restano imprigionati nelle pozze d’acqua e non riescono più a raggiungere l’oceano. Ogni primavera, milioni di giovani pesci nuotano giù per i fiumi e vanno verso il mare, dove trascorreranno buona parte della loro vita; solo dopo alcuni anni, ormai adulti, torneranno a risalire i fiumi per deporre le uova e ricominciare il ciclo. La migrazione è indispensabile per il ciclo di riproduzione. Per il Salmone reale (Oncorhynchus tshawytscha) della California questa è una minaccia mortale. Il Governo USA è intervenuto organizzando un sistema per trasportare i giovani pesci in camion-cisterna fino al Pacifico. Da questa operazione forse si salveranno un 30% di salmoni, per gli altri non ci sarà più nulla da fare.
Il sistema è macchinoso: i giovani salmoni sono raccolti in vasche, poi attraverso grandi tubi semitrasparenti sono «pompati» su camion-cisterna e poi su chiatte fluviali. Il viaggio poi continua su chiatte fluviali che andranno a rilasciarli alla foce del fiume; durante il viaggio gli addetti continuano a pompare su di loro acqua del fiume in modo da lasciargli un imprinting del loro ambiente natio.

Salmone reale

Rispondi