a cura di Filippo Mariani

Se non sarà invertita la rotta, siamo diretti verso un mondo di calamità“. Questo il monito degli scienziati presenti in questi giorni a Katowice per la COP 24 sul clima.

All’apertura dei lavori il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, ha detto: “Anche se assistiamo a devastanti impatti climatici che causano il caos in tutto il mondo, non stiamo ancora facendo abbastanza, né ci muoviamo abbastanza velocemente, per prevenire un’interruzione climatica irreversibile e catastrofica“.

Non è “Giovanni Rossi” libero professionista,”Giulio Bianchi” impiegato di banca o il solito ambientalista di turno ad affermare ciò, sono studiosi, ricercatori, scienziati e dirigenti dell’IPCC (Gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico) che sostengono le dichiarazioni sia del segretario generale dell’ONU che di tutti i centri studi sul clima della Terra, compresi i nostri CNR ed ENEA.

L’ultimo report dell’IPCC, uscito lo scorso ottobre, ci informa che abbiamo solo 12 anni per agire con decisione per combattere i cambiamenti climatici e restare entro 1,5 gradi Celsius di aumento della temperatura media globale.
E allora? Stiamo ancora a guardare la punta del nostro dito rivolto alla Luna? Oppure cominciamo seriamente a guardare la Luna? Ci chiediamo se i grandi della Terra, quelli che nel bene o nel male decidono del nostro futuro, hanno realmente capito quale pericolo sta correndo tutta l’umanità e se si, perché non cominciano a darsi da fare per intervenire e limitare o bloccare questa folle corsa verso la catastrofe climatica?

Facile a dirsi, ma la realtà è ben diversa, a parte Donald Trump, ora anche il Brasile sull’accordo di Parigi ci ripensa e poi, colpo finale, la stessa Polonia, che ospita la COP 24, ha detto che non può rinunciare al carbone, una delle sue principali fonti energetiche!

Noi di Accademia Kronos, comunque, per i nostri figli e nipoti, continueremo a lottare fino in fondo e, chissà, forse qualcuno che conta finalmente un giorno (speriamo non troppo tardi) ci ascolterà…

Articoli correlati

Il cambiamento climatico è oggi il principale problema dell'umanità. Il sistema economico globale - il capitalismo globalizzato - non ha una risposta efficace al riscaldamento globale causato principalmente dall'uso intensivo di combustibili fossili (carbone, petrolio e gas) che causano gas a effetto serra, con l'anidride carbonica come componente principale.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.