L’operazione “Spiagge Plastic Free” è un’iniziativa/proposta di Accademia Kronos nel coinvolgere gli stabilimenti balneari italiani (all’interno della campagna “Io faccio la mia parte”) per limitare la presenza di plastica monouso sulle spiagge. A questo progetto hanno già aderito due stabilimenti liguri, “Turtle Beach Andora” e “Tortuga Beach Andora“.

L’operazione di Accademia Kronos propone che ogni stabilimento possa mettere a disposizione contenitori per l’acqua in alluminio o in vetro, personalizzandoli con il logo dello stesso stabilimento, nonché fontanelle per l’acqua sia liscia che gasata, con le quali si possono riempire i contenitori acquistati per un paio di euro o regalati dalla stessa direzione dello stabilimento. All’interno della spiaggia saranno poste le nostre bandiere di “Io faccio la mia parte” e predisposti possibili manifesti che spiegano l’operazione.

Perché uno stabilimento possa aderire dovrà attuare rigorosamente il “divieto” di uso/introduzione di plastica monouso da parte dei bagnanti. Inoltre i nostri associati in zona, mostrando la tessera di AK all’ingresso dello stabilimento, potranno controllare che l’operazione “Plastic Free” sia effettivamente operativa.

Articoli correlati

Come conseguenza del riscaldamento globale, i suoli perennemente ghiacciati dell’Artico si stanno scongelando e rilasciano sostanze altamente tossiche e inquinanti, contenute nei fossili risalenti all’era del Pleistocene. Questo è quanto emerge da una ricerca di Sue Natali, membro del ‘Woods Hole Research Center’ nel Massachusetts, portata avanti dalla Siberia all’Alaska per studiare gli effetti dello scongelamento del permafrost, il terreno tipico delle regioni dell'estremo Nord Europa, della Siberia e dell'America settentrionale.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.