Si è concluso da poco a New York il vertice sul clima organizzato all’ONU. Dopo una delle estati più drammatiche, ambientalmente parlando, degli ultimi anni, con incendi praticamente in tutte le grandi foreste del mondo (dalla Siberia all’Amazzonia, dall’Africa al Sud Est asiatico) e con gli effetti del riscaldamento globale che ormai si stanno palesando in modo macroscopico (si pensi allo scioglimento del ghiaccio artico e di quello della Groenlandia) si sperava che si potesse finalmente assistere ad un deciso cambio di marcia su queste tematiche da parte di una significativa parte dei governi. Almeno di quelli più importanti.

Leggendo gli articoli e le opinioni che impazzano su riviste e social sul tema dell’ emergenza climatica si ha l’impressione che non solo ci sia una gran confusione, ma che si cerchi di attribuire colpe a chi non ne ha, assolvendo chi ha invece la responsabilità di averci fatto raggiungere un punto, molto vicino, a quello di non ritorno. Una sorta di guerra fra generazioni, dove i meno giovani se la prendono con i ragazzi dei "Fridays For Future", colpevoli forse di ricordargli che l’aver sottovalutato la situazione non è stata cosa prudente.

Non è il solito monito di noi ambientalisti o di qualche isolato studioso sensibile al problema del riscaldamento globale del pianeta, è invece il grido d’allarme della più grande istituzione mondiale del pianeta Terra che si occupa del problema clima, l’IPCC (Intergovernmental panel on climate change – ONU) in cui operano scienziati di fama internazionale di tutto il mondo.

Probabilmente gli storici del futuro scriveranno che il 2019 fu l’inizio della grande crisi climatica che in meno di un ventennio decimò una buona parte della popolazione planetaria. Questa non è la prefazione di un romanzo di fantascienza, ma l’estrapolazione di un’intervista rilasciata giorni fa da uno scienziato ad una TV australiana. Catastrofismo gratuito? Le solite "fake news"? Diamo un’occhiata a cosa sta accadendo nel mondo in questi giorni...