Ogni anno si stima che nel periodo estivo vengano abbandonati circa 50 mila cani e 80 mila gatti, di cui una buona percentuale (soprattutto dei cani) muore per stenti o travolti sulle strade. Solo lo scorso anno in Italia erano stati censiti più di 700 mila cani randagi. Alcuni di questi hanno trovato nuovi e civili padroni, altri sono finiti nei canili e la maggior parte è morta.

Un amico a quattro zampe, cane o gatto che sia, allunga la vita, e questo lo dicono diversi studi che hanno dimostrato in più occasioni che un animale in famiglia migliora significativamente la qualità della vita e aiuta a prevenire alcune malattie. Avere un tale amico in casa, infatti, è uno dei migliori rimedi contro la depressione e la solitudine ed anche un efficace mezzo per prevenire le malattie cardiovascolari e l’obesità.

Un boxer, un pitbull e due anatroccoli, sono incredibilmente diventati amici. Il fatto è avvenuto in Australia, a Sydney dove, accomunati da un difficile passato, questi quattro animali sono divenuti inseparabili. Può essere questa un’ulteriore prova che, di fronte alle difficoltà comuni, si diviene più tolleranti, più uniti, e che il dolore può addirittura annullare le differenze di razza?