Nella periferia della capitale del Bangladesh, al centro di questo Paese dell’Asia meridionale che è l’ottavo al mondo per numero di abitanti (160 milioni) e il decimo per la densità, a dominare il paesaggio sono le fabbriche di mattoni, spesso illegali, simbolo dell’urbanizzazione selvaggia e della febbre di costruzione, che domina queste parti del mondo.