Dopo che l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) lo ha dichiarato "probabile cancerogeno per l'uomo", classificandolo "2A", qualcosa sta iniziando a cambiare.