Leggendo gli articoli e le opinioni che impazzano su riviste e social sul tema dell’ emergenza climatica si ha l’impressione che non solo ci sia una gran confusione, ma che si cerchi di attribuire colpe a chi non ne ha, assolvendo chi ha invece la responsabilità di averci fatto raggiungere un punto, molto vicino, a quello di non ritorno. Una sorta di guerra fra generazioni, dove i meno giovani se la prendono con i ragazzi dei "Fridays For Future", colpevoli forse di ricordargli che l’aver sottovalutato la situazione non è stata cosa prudente.

Per ora leggiamo cosa ha detto Greta Thumberg in occasione della COP di Katowice del dicembre 2018, il summit ONU sui Cambiamenti climatici. E' una quindicenne svedese affetta (così certificano) da una malattia, la Sindrome di Asperger, che probabilmente, al contrario di ciò che afferma la medicina sintomatologica, la rende tanto sensibile alle vicende umane da saper discernere tra il bene e il male e dar lezioni ai signori del mondo.