Non mi sorprende la notizia riportata on-line che alcuni eminenti scienziati in Gran Bretagna sollecitano il governo a valutare il ruolo del microbioma* intestinale nel contrastare i coronavirus, riportando le prove che dimostrano il suo impatto sulla suscettibilità e la guarigione dalla malattia.