La rapida fusione del ghiaccio artico è dovuta principalmente, non tanto al riscaldamento atmosferico, quanto dal mare che è sempre più caldo.