Da pochi giorni è stata pubblicata la carta dei potenziali siti idonei allo stoccaggio delle scorie nucleari, rilevata in base ai criteri ISPRA del 2014.