Come conseguenza del riscaldamento globale, i suoli perennemente ghiacciati dell’Artico si stanno scongelando e rilasciano sostanze altamente tossiche e inquinanti, contenute nei fossili risalenti all’era del Pleistocene. Questo è quanto emerge da una ricerca di Sue Natali, membro del ‘Woods Hole Research Center’ nel Massachusetts, portata avanti dalla Siberia all’Alaska per studiare gli effetti dello scongelamento del permafrost, il terreno tipico delle regioni dell'estremo Nord Europa, della Siberia e dell'America settentrionale.

La situazione meteo nel nostro Pianeta ci sta proponendo condizioni atmosferiche estreme, con numerose aree dove si stanno registrando temperature molto superiori alla media del periodo. Mentre sono piuttosto ristrette le aree dove la temperatura è sotto la norma, tra queste c'è una parte del Nord America, dove continuano a susseguirsi le tempeste di neve di cui molto spesso si parla.