a cura del Prof. Luigi Campanella

Ma tingersi i capelli è nocivo per la salute? La commissione europea ha deciso di proibire 22 prodotti presenti in questi ritrovati. Studi recenti hanno ventilato casi di tumore alla vescica, legati a un componente, la parafenilendiammina (Ppd). A rendere più complicato l’approccio ai coloranti è intervenuto l’autorevole British Medical Journal che, in un editoriale scritto dai dermatologi del St. John’s Institute of Dermatology di Londra, fornisce notizie aggiuntive: il basso peso molecolare del Ppd ne aumenta la capacità di penetrazione nel fusto e nel follicolo del capello, ma le stesse ragioni lo rendono un allergene da contatto pericoloso, tanto che in diversi paesi europei è stato alternativamente proibito e riammesso. La proibizione ha riguardato paesi come la Germania, la Francia e la Svezia. E’ proprio in Svezia è stato condotto uno degli studi più importanti in materia, con particolare riferimento ai rischi per parrucchieri che inevitabilmente vengono a contatto con le tinture dei capelli.

A sostegno dei fautori della tintura sono intervenuti soprattutto i cosmetici naturali, ovvero tinture vegetali del tutto prive di tossicità. Quella di gran lunga più utilizzata è senza dubbio l’hennè, ricavata dalle foglie essiccate e polverizzate di un arbusto (solo in Italia se ne consumano circa 30 tonnellate all’anno).

Aldilà delle conseguenze tumorali, in gran parte annullate dal definitivo abbandono di coloranti dannosi, resta pur sempre il problema allergico non del tutto scongiurato. I casi sono aumentati del 7,1% negli ultimi sei anni a Londra e convalidati anche da altri paesi europei quali Belgio e Portogallo. Un trend, dicono gli studiosi, attribuibile anche al diffondersi dei tatuaggi non permanenti, che contengono alte concentrazioni di Ppd.

Articoli correlati

Il modo più efficace per prevenire i problemi della tiroide – dice Massimo Tonacchera, professore associato di Endocrinologia e coordinatore nazionale Comitato della prevenzione della carenza iodica – è assumere iodio in quantità adeguate; questo elemento è il costituente essenziale degli ormoni tiroidei.

Dopo la Spagna tocca all’Italia. E infatti nel nostro Paese sono stati registrati alcuni casi di intossicazione da tonno in scatola nel Lazio, in Basilicata, Puglia e Veneto. Dopo le segnalazioni è intervenuto il Ministero della Salute che ha richiamato alcuni tranci. Tutta colpa dell’istamina, presente a livelli superiori rispetto a quanto previsto dalla legge.

COMMENTA

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.