Un amico a 4 zampe, cane o gatto che sia, allunga la vita

Un amico a 4 zampe, cane o gatto che sia, allunga la vita

a cura di Daniela Rosellini (Fonte: Tutta Salute)

Un amico a quattro zampe, cane o gatto che sia, allunga la vita, e questo lo dicono diversi studi che hanno dimostrato in più occasioni che un animale in famiglia migliora significativamente la qualità della vita e aiuta a prevenire alcune malattie. Avere un tale amico in casa, infatti, è uno dei migliori rimedi contro la depressione e la solitudine ed anche un efficace mezzo per prevenire le malattie cardiovascolari e l’obesità.

Anche se, come si sa, ospitare un animale domestico rappresenta un impegno, si hanno però dei vantaggi straordinari, anche solo sotto l’aspetto affettivo. Soltanto chi non ha mai posseduto un cane o un gatto, ovviamente, non potrà capire di cosa stiamo parlando e non potrà nemmeno lontanamente immaginare quale intenso legame si crei tra l’animale e il suo amico umano.

Le persone sole possono instaurare un legame, che durerà per sempre, con un devoto amico con cui parlare e condividere, magari, una bella passeggiata nel parco cittadino, dove è possibile incontrare altre persone che si trovano nella stessa condizione e, quindi, intrecciare nuovi rapporti interpersonali che, altrimenti, difficilmente si sarebbero creati.

Secondo un recente studio della Michigan State University, inoltre, la passeggiata giornaliera con il proprio cane è salutare anche perché consente di svolgere più attività fisica, e quindi fa bruciare più calorie rispetto ad una oretta trascorsa in palestra. Il cane è infatti indicato, diciamo così, anche agli anziani, agli ipertesi e agli infartuati, perché costringe ad un’attività fisica quotidiana che non deve, oltre tutto, mai essere sospesa.
La presenza dell’ “amico” stimola la persona a dedicargli del tempo, giocandoci, svolgendo così un’attività fisica che mai avrebbe fatto se fosse stato solo e fa sentire meno la solitudine, anzi la allontana decisamente, alleviando così anche la depressione e l’ipertensione.

I gatti, poi, che si crede siano meno amici dell’uomo rispetto ad un cane, sono anch’essi degli ottimi “anti-stress”, che aiutano il nostro cuore. Accarezzare un gatto che “ronfa” felice, e si addormenta sulle ginocchia, distende e, sempre in base allo studio citato in precedenza, fa abbassare la pressione, riducendo di un 30% il rischio di soffrire di malattie cardiache.

Adottare quindi un cane o un gatto, è un investimento per se stessi e può rappresentare anche una buona azione, specialmente se, rivolgendosi agli innumerevoli canili e gattili, si adotterà un povero animale abbandonato, anch’esso bisognoso di affetto e compagnia, che non aspetta altro che di essere liberato e di ripagare il suo salvatore con tutto l’affetto possibile.

Sarà però importante ricordare che, una volta presa una decisione del genere, non è possibile tornare indietro, perché un’adozione è per sempre, ma, state certi che sarà una delle cose migliori che vi sarà mai capitata!

cuccioli-cane-gatto

Rispondi