Lo scorso 23 dicembre ad Alatri, si è svolta  l’ultima giornata della campagna di microchippatura gratuita  per l’anno 2019 organizzata da Accademia Kronos Sezione Provinciale di Frosinone (con sede a Piglio). Anche in questa seconda edizione annuale, la campagna di microchippatura gratuita ha toccato i territori di tutti i Comuni della Provincia di Frosinone, con grande partecipazione e plauso. Oltre al patrocinio dei vari Comuni coinvolti, ha avuto quello della Regione Lazio e la collaborazione dell’Asl Veterinaria di Frosinone.

Esprimo con orgoglio, a nome di tutti i volontari dell’Accademia Kronos sezione provinciale di Frosinone, l’attività a beneficio degli animali svolta fino ad oggi. Dal prossimo anno continuerà con lo stesso entusiasmo il nostro impegno a favore dell’ambiente e del mondo animale” – Ha così commentato il comandante/referente di sezione Armando Bruni.

Ancora Bruni: “In questi ultimi due anni, tra le varie iniziative  che svolgiamo vi è quello della microchippatura, in questo periodo sono stati microchippati gratuitamente circa 6000 cani, un numero importante che sottolinea un grande successo del nostro impegno, in tutto questo va riconosciuta indispensabile la collaborazione dei dottori Mauro Baldassarre e Luciano Figliozzi. Parallelamente all’attività di microchippatura, abbiamo attuato una comunicazione informativa specifica al pubblico che abbiamo incontrato nei vari comuni del Frusinate; informativa rivolta ai proprietari di cani“. Il microchip è obbligatorio per legge e deve essere presente su tutti i cani, che siano di razza o meno, di taglia grande o piccola. Dal 1 gennaio 2005, il microchip è l’unico sistema identificativo nazionale per gli animali d’affezione, come cani e gatti. Si tratta di un piccolo dispositivo elettronico, racchiuso in una capsula di vetro biocompatibile. All’interno, un chip “leggibile” solo da un apposito lettore, esso contiene un codice univoco di 15 cifre che racconta la storia di ogni cane e permette di risalire al nome e alla residenza del suo proprietario. E’ fondamentale in relazione all’anagrafe canina, istituita nel 1991, che permette d’identificare tutti i cani attraverso un codice. Il microchip, se correttamente depositato nell’Anagrafe Canina di residenza, costituisce un vero e proprio titolo di proprietà. Questo codice di 15 cifre dichiara infatti  a chi appartiene il cane e di conseguenza  i doveri che il proprietario ha nei suoi confronti.

Tra le tante iniziative – conclude il comandante Bruni – che l’Accademia Kronos sezione provinciale di Frosinone mette in atto per tutelare gli animali, contrastando la piaga del randagismo , quella della microchippatura gratuita è decisamente  fondamentale“.

Articoli correlati

Dear environmental friends, the whole world and our Europe are experiencing a difficult time, which is putting this economic model in crisis, with profound repercussions on the life of each of us. Many people are confused and worried about this pandemic, they fear for the health of themselves and their loved ones.

Cari amici ambientalisti il Mondo intero e la nostra Europa stanno vivendo un momento difficile, che sta mettendo in crisi questo modello economico, con profonde ripercussioni sulla vita di ognuno di noi. Moltissime sono le persone confuse e preoccupate da questa pandemia, temono per la salute propria e dei loro cari.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.