Svariati milioni di anni fa (Devoniano e Carbonifero 420/300 milioni) la concentrazione di ossigeno sul nostro pianeta era circa il 70% in più rispetto ad oggi e la Luna era molto più vicina alla Terra (la vicinanza del nostro satellite produceva maree di oltre 100 metri – oggi sappiamo che si allontana costantemente dal nostro pianeta di 4/5 cm l’anno). Probabilmente questi due elementi, ossigeno e attrazione lunare, hanno giocato un ruolo determinante nel gigantismo di ogni essere vivente, dalle piante agli animali. Non solo i dinosauri erano giganteschi, ma anche gli insetti. Il “campione” degli insetti era l’antenato dell’attuale libellula, che aveva un’apertura alare vicina al metro, anche se il primato tra gli invertebrati spetta all’Arthropleura armata, un artropode parente degli attuali millepiedi, poteva raggiungeva i 2,8 metri di lunghezza! La ricostruzione è stata possibile grazie al ritrovamento di alcuni sedimenti fossilizzati rinvenuti in un giacimento fossilifero tedesco. Anche i ragni non scherzavano, recentemente in Argentina si è scoperto il resto fossilizzato di un ragno, che per dimensioni non sarebbe stato secondo agli altri invertebrati giganti!

Ma allora, ci si può chiedere, perché oggi (fortunatamente!) questi invertebrati sono diventati molto più piccoli? La possibile risposta sta nella diminuzione dell’ossigeno sul pianeta. Il sistema respiratorio, soprattutto degli artropodi terrestri, è formato da spiracoli e trachee disposti lungo il corpo, che ottimizzano al massimo la quantità d’ossigeno dell’atmosfera. La drastica diminuzione di ossigeno, iniziata dopo il Carbonifero, ha obbligato questi invertebrati a riorganizzarsi, divenendo sempre più piccoli. Gli scienziati infatti ci spiegano che gli insetti e gli artropodi di quelle dimensioni, oggi per la riduzione di ossigeno nell’aria “soffocherebbero”.

In conclusione possiamo affermare che la vita sul nostro pianeta è strettamente subordinata all’ambiente esterno, sia astronomico che terrestre. Quindi se aumenta la concentrazione di CO2 in atmosfera, oltre al riscaldamento globale, potrebbe accadere, come per gli  invertebrati in passato, che gli uomini del futuro debbano “trasformarsi” anatomicamente (adattarsi evoluzionisticamente) per sopravvivere. A meno, ovviamente, che si fermi l’aumento della CO2 e la distruzione dell’ambiente naturale!

Arthropleura armata

riproduzione in scala 1:1 (dimensioni reali) di un Arthropleura armata

Articoli correlati

Qual'è la situazione attuale? Abbiamo ancora tempo per invertire la rotta? Come possiamo evitare di finire in un mare di plastica? Se filtrassimo tutte le acque salate del mondo, scopriremmo che ogni chilometro quadrato di esse contiene circa 46.000 micro particelle di plastica in sospensione! Numeri impressionanti di un fenomeno che non è circoscritto alle cinque "isole di plastica" in continuo accrescimento negli Oceani, ma tocca anche il nostro Mar Mediterraneo.

"Maramao perché sei morto? … l’insalata era nell’orto", queste sono due significative frasi di un noto brano italiano antifascista del ‘39 che, parafrasando, potrebbero anticipare ciò che attende l’orango del Borneo in un prossimo futuro. Il gatto Maramao (animale notoriamente carnivoro) era morto “malgrado” avesse l’orto pieno di insalata, così l’orango del Borneo rischia l’estinzione "malgrado" sia circondato da innumerevoli piantagioni di palma da olio.

COMMENTA

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.