a cura di Gianluca Ferretti (fonte: RivistaNatura.com)

Nome comune: Vanessa io o Occhio di pavone
Nome scientifico: Inachis io (Linnaeus, 1758)

Chi è
Farfalla di discrete dimensione (apertura alare: 54-60 mm) e dalla livrea inconfondibile appartenente alla Famiglia dei Nymphalidae; è considerata una tra le specie più belle d’Europa. La faccia superiore delle ali è di color rosso scuro con quattro (due sulle ali anteriori e due su quelle posteriori) evidenti e caratteristiche macchie ocellari, nelle quali le squame nere, arancio, azzurre, lilla e bianche compongono un disegno a forma di occhio del pavone.  Questi falsi occhi svolgono una funzione difensiva disorientando eventuali predatori.

La faccia inferiori delle ali possiede, invece una colorazione marrone-grigiastro scuro, che rende gli esemplari della specie perfettamente mimetici quando posati ad ali chiuse sulla corteccia di alberi e arbusti. La colorazione delle ali è influenzata dalla temperature nel periodo di sviluppo della crisalide. Infatti, le popolazioni di questo lepidottero che vivono in territori con clima più caldo sono caratterizzati da livree più brillanti.

Distribuzione in Italia
La specie è diffusa in tutte le regioni, isole comprese.

Dove vive
Lepidottero ubiquista, presente dal livello del mare fino a 2000/2500 metri di quota, si può rinvenire in numerose tipologie di ambienti quali margini di boschi, radure, boschi radi e giardini.

Comportamento
Gli adulti (1 generazione annuale) sfarfallano da maggio a ottobre ma, dato che rimangono in vita fino all’anno successivo è possibile osservare esemplari in volo anche nelle giornate miti dell’inverno. Per svernare utilizzano svariate tipologie di riparo tra cui le cavità dei tronchi, l’intreccio dei rami delle piante sempreverdi e persino le abitazioni. Le uova vengono deposte tra aprile e maggio in grandi gruppi sotto le foglie dell’ortica (pianta nutrice). Potente volatrice, può compiere lunghe migrazioni.

Articoli correlati

Per produrre energia ci vuole acqua, per fornire acqua serve energia. Di conseguenza, poiché il 90% dell’energia termica fa uso di acqua, aumentare la produzione di elettricità del 70% (come previsto per il 2035) significa aumentare i prelievi di acqua dolce del 20%. Tra acqua ed energia c’è però una grande differenza dal punto di vista di consumi e della fornitura: per la prima non ci sono alternative, per la seconda sì.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.