Dal 21 al 25 aprile Villa Borghese a Roma ospiterà il “Villaggio per la Terra“, la manifestazione ambientale che lo scorso anno ha coinvolto più di 130 mila visitatori. Cinque giornate dedicate quest’anno agli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’Onu, e animate da musica, scienza, sport, giochi, arte e focus tematici.

Si avvicina l’appuntamento con il “Villaggio per la Terra“, evento organizzato da Earth Day Italia e dal Movimento dei Focolari, che si svolgerà a Roma dal 21 al 25 aprile nell’ormai tradizionale cornice di Villa Borghese, nelle due location del Galoppatoio e della Terrazza del Pincio. Come negli anni scorsi saranno cinque giorni di iniziative dedicate alla tutela del pianeta, con un focus particolare sugli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite, i cosiddetti “SDGs” (Sustainable Development Goals) fissati dall’ONU nell’Agenda 2030. Il Villaggio dedicherà agli SDGs 16+1 piazze tematiche, orientate alla comunicazione e all’approfondimento dei singoli obiettivi con ted, laboratori, mostre ed eventi.

Il momento clou del programma al Villaggio per la Terra è la celebrazione dell’Earth Day, la Giornata Mondiale della Terra indetta dall’Onu nel 1970 e festeggiata ogni 22 aprile. Si tratta dell’evento ambientale più importante al mondo che ogni anno vede la partecipazione di circa un miliardo di persone nei 193 Paesi membri delle Nazioni Unite. Il Villaggio per la Terra, per l’Earth Day 2018, ha in programma una serie di eventi a tema e Dulcis in fundo il Concerto per la Terra, spettacolo offerto gratuitamente al pubblico del Villaggio. Un palco che in passato ha ospitato artisti come Arisa, Ben Harper, Fiorella Mannoia, Noemi, Patty Smith, e che per la seconda volta consecutiva sarà installato sulla terrazza del Pincio con un suggestivo affaccio sul centro di Roma.

Accademia Kronos da un aiuto all’organizzazione e avrà un suo stand sul terrazzo del Pincio, dove si potrà sottoscrivere il contratto con la Madre Terra: Io faccio la mia parte.

VI ASPETTIAMO

villaggio per la terra-2-2

Articoli correlati

L'IPCC (International Panel on Climate Change), il principale Organismo internazionale per le valutazioni sui cambiamenti climatici, afferma che abbiamo solo 12 anni per dimezzare le emissioni inquinanti che vanno azzerate entro il 2050, altrimenti non riusciremo a mantenere il riscaldamento globale entro +1,5°.

(Fonte: RivistaNatura.com) Dopo essere stato sull’orlo dell’estinzione negli anni ’70, il lupo è tornato a popolare il territorio italiano e la sua diffusione cresce di anno in anno, come dimostrano i dati presentati dall’ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) nel corso del convengo "Verso un Piano nazionale di monitoraggio del lupo", tenutosi a Roma.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.