a cura di Filippo Mariani

La foto sopra non è degna di una nazione civile come dovrebbe essere il nostro Paese, sono anni che quasi tutti i movimenti ambientalisti ed animalisti, compreso il nostro, chiedono al Parlamento l’abolizione del servizio pubblico a trazione animale, vedi le botticelle romane, dove i cavalli sono sfruttati al limite delle loro resistenza fisica. In estate, poi, sotto i raggi cocenti della nostra stella, con temperature al limite della sopportazione umana, i cavalli restano ore ed ore fermi in pieno Sole in attesa di portare a spasso qualche turista.

Non è solo un problema di Roma, le botticelle o comunque le carrozze le troviamo in alcune regioni soprattutto del centro sud, come in Sicilia, in Campania e soprattutto nel Lazio.
Lo scorso anno la sindaco di Roma, Virginia Raggi, tentò di chiudere questa anacronistica storia, ma il TAR del Lazio, attivato dalle associazioni dei vetturini romani, le diede torto, per cui lo sfruttamento di questi animali continua!

La morte alla Reggia di Caserta per un colpo di calore di un cavallo ha comunque riacceso le coscienze. Accademia Kronos a questo proposito sta preparando per conto di alcuni deputati sensibili una interrogazione parlamentare, soprattutto chiedendo perché non è stato ancora abolito l’uso di animali per il trasporto persone, ad eccezione di eventi folcloristici particolari, rivedendo in particolare il disegno di legge del 9 luglio dello scorso anno, che prevedeva già la cancellazione del servizio a trazione animale.

Oltre ciò, per semplificare le cose, è possibile rivedere il Codice della Strada per abrogare l’art.70, nonché ulteriori disposizioni della legge 21 del 1992.

Quattro anni fa Accademia Kronos si interessò con le proprie guardie eco-zoofile del problema a Roma, furono intervistati diversi vetturini, proprietari delle tradizionali botticelle. Quasi tutti dichiararono che se il Comune gli metteva a disposizione un’alternativa, come veicoli elettrici o similari, loro sarebbero stati ben disposti a lasciar liberi i cavalli.
Riteniamo pertanto ancora valida questa proposta, quindi il Governo dovrebbe consentire a questi vetturini di passare a mezzi meccanici ecologici e non più allo sfruttamento dei poveri cavalli!

Articoli correlati

In piena pandemia, all’inizio della seconda ondata con aumenti esponenziali dei casi positivi soprattutto in Europa, con valori che oscillano tra i 10.000 e 30.000 positivi al giorno, in attesa di un vaccino sicuro ed efficace, l’unica arma che ci permetterà di sopravvivere al virus, senza subire danni al nostro stato di salute, come già detto in articoli precedenti, è quello di rinforzare il nostro sistema immunitario.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.