a cura di Filippo Mariani

Il Mar Ligure e il Mar Tirreno stanno “affogando” nella plastica e soprattutto nelle microplastiche, le quali sono spesso scambiate dai pesci come plancton. Inoltre la plastica abbandonata in mare produce gas serra.

A tal proposito la rivista scientifica Science ha recentemente pubblicato uno studio sullo stato di salute del Mediterraneo e in particolare del Tirreno, sottolineando il serio pericolo della presenza di plastica e microplastica per tutta l’ittiofauna e, di conseguenza, per chi si nutre del relativo pescato.

Lo studio di alcuni ricercatori dell’Università delle Hawaii ha dimostrato che la plastica abbandonata come bicchieri, buste e cannucce monouso disperse nell’ambiente contribuisce anche al riscaldamento globale: degradandosi, infatti, questa plastica produce gas serra come metano ed etilene. Il metano in particolare è molto più “potente” dell’anidride carbonica come gas serra e, quindi, concorre anch’esso all’innalzamento della temperatura del pianeta.

In particolare, scrivono i ricercatori, “il polietilene è usato per le borse della spesa, è il più comune tra i rifiuti di polimeri sintetici, ed è anche il produttore più prolifico di entrambi i gas”. I rifiuti di polietilene a bassa densità (Ldpe) trovati in mare usati per imballaggi e confezioni di alimenti, una volta esposti alla luce del sole cominciano a produrre gas e continuano anche di notte. Le fratture che si creano con l’esposizione alla luce, spiegano gli autori dello studio, col tempo aumentano la superficie esposta alla degradazione foto-chimica, e quindi favoriscono la produzione dei gas.

Articoli correlati

Dopo la CoViD-19 ora dobbiamo difenderci anche dai veleni dei fitofarmaci diffusi nell’aria. E’ di questi giorni il grido di allarme di medici, ambientalisti, presidenti dei biodistretti e semplici cittadini sulla dispersione nell’aria di prodotti chimici letali, utilizzati a volte in maniera irresponsabile soprattutto nei frutteti, come nei noccioleti.

Accademia Kronos come suo principio base è favorevole ad ogni iniziativa governativa capace di ridurre sia l’inquinamento ambientale che l’aumento del riscaldamento terrestre. Tuttavia va tenuto anche presente il profondo problema sociale in cui versa il nostro Paese. La mancanza di lavoro e la chiusura di aziende ed imprese che operano soprattutto nell’edilizia. Pertanto la questione deve essere affrontata con saggezza. Pur condividendo parte delle critiche all’Ecobonus mosse da alcuni amici ambientalisti, restiamo con una visione più realistica. Contestiamo, comunque, la solita posizione ideologica di chi pensa che gli ambientalisti siano i soliti figli del "Signor No".

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.