Noci, nocciole, arachidi, anacardi, pistacchi, mandorle... da sempre si dice che la frutta secca "fa bene" e anche molto: è noto infatti, come venga caldamente raccomandata nelle diete finalizzate alla riduzione del colesterolo nel sangue; inoltre tale alimento avrebbe benefici effetti contrastando stress ossidativo e infiammazione, combattendo lo sviluppo di tessuto adiposo viscerale e di insulino-resistenza, fornendo un aiuto contro l'iperglicemia.

Noci, nocciole, pistacchi, arachidi (ecc.): mangiarne ogni giorno (in piccole quantità) potrebbe ridurre la mortalità del 20%. Questo è quanto suggerisce uno studio durato trent’anni e pubblicato sul New England Journal of Medicine, secondo il quale la frutta secca sarebbe un vero e proprio "elisir di lunga vita".